Lu San Ggiuvanne - Magia del Solstizio d'estate in Abruzzo foto
Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 20/06/2021
8:30 pm - 11:45 pm

Luogo
Rione Porta Pescara

Categorie


A Chieti il 20 giugno 2021 presso Rione Porta PescaraLu San Ggiuvanne – Magia del Solstizio d’estate in Abruzzo“.

La notte di San Giovanni
“monumento di età anteriore alla storia, che il tempo ha intaccato, ma non distrutto”.
Gennaro Finamore
La manifestazione “Lu San Ggiuvanne
Magia del Solstizio d’estate in Abruzzo
Angela “Occhie de Vrocche” La Strega di Porta Pescara
è organizzata dell’Associazione Culturale Teate Nostra di Chieti in collaborazione con l’Abrvzzo EtnOrchestra “La figlia di Iorio”, con il Patrocinio del Comune di Chieti ed il sostegno economico dei Ristoratori:
Magiafuoco (324-629 6487), Taka Tuka (392-420 6888), SanTino (379-143 8647), Chartago (349-088 6896, L’Arco (366-157 1357), Saint James e Taverna Teate del Rione Porta Pescara.
I posti a sedere senza consumazione sono limitati a n° 40.
Quelli riservati ai locali sono su prenotazione diretta ai Ristoratori.
La manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto delle norne anti covid con obbligo della mascherina.
Ingresso libero
Note all’evento
Il Solstitium trae nome da Sol – Sole e Sistere – stare, fermarsi sintesi verbale del fenomeno astronomico in cui il sole raggiunge la sua massima declinazione, in altre parole Il giorno più lungo dell’anno festeggiato in tutto il mondo. Anche in Abruzzo persistono ancora oggi riti, miti, e credenze legate al passaggio dalla stagione primaverile a quella estiva. L’evento in programma dal titolo “Lu San Ggiuvanne” vuole far riemergere le tradizioni popolari che da secoli ne costituiscono lo stigma.
A Chieti il Rione di Porta Pescara sin dal medioevo è stato luogo in cui personaggi come Angela “Occhie de Vrocche” (Occhi di Chioccia), La Strega di Porta Pescara, hanno via via caratterizzato la vita cittadina. Questo Rione, ancora fedelmente custodito dai due archi, quello gotico medievale in alto e quello barocco più in basso, è stato culla di antiche dicerìe basate non soltanto sul popolare “si dice” ma su fatti realmente accaduti, anche se dai contorni sfumati dal tempo. Giustino Angeloni, studioso cultore della più vera Teatinità, ricostruisce l’albo genealogico di intere famiglie legate alla femminile naturale disposizione ad “ascoltare” persone in difficoltà ed a proporre “soluzioni” magiche ai loro problemi, da quelli fisici a quelli sentimentali. Vere sacerdotesse laiche tratto di congiunzione fra il mondo pagano e quello cristiano -“magàre” guaritrici del volgo molto invise al clero fino al punto da essere denunciate come Streghe al cattolico Tribunale della Santa Inquisizione e spesso arse vive in pubblici roghi- queste ancora oggi destano curiosità ed attenzione come la nostra Angela “Occhie de Vrocche”, protagonista delle “stregonerìe” cittadine. Lo scrittore David Ferrante presenta il suo libro “Tradizioni, Riti e Sortilegi del 24 giugno” quindi, attraverso una accattivante intervista giornalistica, del suo autore Mario D’Alessandro, si illustrano aspetti del fantastico “magico fare”: vengono così svelati alcuni riti, sortilegi e molto altro…diffusi in passato non soltanto in ambito rurale ma anche nei salotti dei palazzi aristocratici della Chieti bene.
Mario Canci e Fabio D’orazio musicisti dell’Abrvzzo EtnOrchestra “La figlia di Iorio” eseguono brani popolari abruzzesi, sia di tradizione orale che di nuovo conio, su testi dello scrittore Mario D’Alessandro, legati alla tradizione abruzzese de “Lu San Ggiuvanne” con i riti propri della “sua “Notte” e al seguente sorgere del “suo Sole”. Il Gruppo Danze Teate Nostra esegue coinvolgenti danze popolari. In un ipotetico fantastico viaggio a ritroso nel tempo, la manifestazione si conclude con il “Rito Italico del Solstizio d’estate”, in lingua originale italica declamata attorno al fuoco, ricostruito dall’Associazione Culturale Ves Gentes di Cepagatti (PE), da tempo impegnata in una seria ricerca storica sul territorio abruzzese
Mario Canci
 
Foto tratta dalla pagina facebook Abruzzo EtnOrchestra “La figlia di Iorio”

 

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

AbruzzoOggi.it 👉 Testata Registrata Trib. Chieti Decreto 27/21 15/01/2021 - Iscrizione ROC 12116/2021 10/03/2021
Direttore Responsabile: Marco Vittoria
QR Code
Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana