Ripalta Bufo, Silvano Fusco, Martins Ozolins e Osa a Tagliacozzo 9 agosto 2022 foto
Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 09/08/2022
9:15 pm - 11:45 pm

Luogo
Chiostro di San Francesco

Categorie


Ripalta Bufo, Silvano Fusco, Martins Ozolins e Osa a Tagliacozzo con Gatti, Streghe, Bambole e Sogni

Martedì 9 Agosto 2022, ore 21.15 presso il monumentale Chiostro di San Francesco l’Orchestra Sinfonica Abruzzese porta sul palco di Tagliacozzo un suggestivo “opera gala” che attraversa la storia dell’opera mondiale con la straordinaria voce di Ripalta Bufo, tra le più interessanti soprano della sua generazione, il violoncello di Silvano Fusco del Teatro di San Carlo di Napoli e la direzione del famoso maestro internazionale Martins Ozolins.

Un programma spettacolo da Bernstein a Offenbach, da Mozart a Donizetti con arie vorticose e sinfonie accattivanti per uno dei programmi più interessanti del Festival.

Silvano Fusco, tra i più celebri violoncellisti della sua generazione, più volte ospite di Tagliacozzo Festival, torna nella rassegna insieme a Ripalta Bufo, una delle rivelazioni nel campo della musica internazionale, la cui voce si sta facendo strada nel grande mondo della lirica. È diventata popolare per essere anche stata una delle protagoniste di un’edizione di “Italian’s got Talent” cercando di riportare l’opera al grande pubblico. A confermare il suo successo sono stati anche gli apprezzamenti dei conduttori de La Barcaccia, il più grande, critico e longevo programma radiofonico sull’opera lirica.

Bufo, come nasce la sua passione per la musica?

«E’ stata la musica a prendermi per mano, o almeno mi piace davvero pensarla così. Avevo solo 6 anni quando i miei genitori, che ringrazierò per tutta la vita, mi iscrissero ad una scuola di musica ed iniziai a suonare prima il sax, poi il clarinetto. Il canto è arrivato qualche anno dopo ed è stato un crescendo. Da autodidatta ho vinto tanti concorsi di musica leggera, ma l’opera era per me è un mondo troppo affascinante per restare sconosciuto. Mi divertivo cantando i Matia Bazar e gli acuti di Antonella Ruggero, ma poi restavo ore ad ascoltare Maria Callas ad occhi chiusi ed a farmi trasportare dall’emozione».

Qual è stato il momento in cui ha deciso che la musica era la parte principale della sua vita?

«Quando dopo un mio concerto, mi si avvicinarono due donne commosse e ringraziandomi mi dissero “oggi con il tuo canto ci siamo sentite più vicine a Dio”. Le loro lacrime così sincere sono state il mio input. Ero consapevole del mio dono, ma quando ti rendi conto di poter emozionare, anche inconsapevolmente, arriva la svolta. La musica è sempre stata la parte principale della mia vita e più passa il tempo più mi rendo conto che senza non potrei viverci. La mia è anche un po’ una missione, una sfida continua con me stessa e con i limiti di una mentalità arcaica che vede la lirica come un genere d’elìte. Basta con stereotipi, l’opera è per tutti, soprattutto per i giovani».

Il Festival continua l’11 agosto con il concerto di Morgan con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese e il 12 con Fabrizio Moro.

 

Consulta il nostro Calendario Eventi

Segui la pagina Facebook AbruzzoOggi

Torna alla Homepage AbruzzoOggi

AbruzzoOggi.it 👉 Testata Registrata Trib. Chieti Decreto 27/21 15/01/2021 - Iscrizione ROC 12116/2021 10/03/2021
Direttore Responsabile: Marco Vittoria
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana
Call Now Button