Manoppello nel ricordo della tragedia di Marcinelle foto

Manoppello: 64 anni fa la tragedia di Marcinelle

Manoppello ricorda la tragedia di Marcinelle avvenuta 64 anni fa.

Non è vero che il tempo affievolisce i ricordi, anzi li rende più vivi nel presente. Rinnova inoltre il dolore ai parenti dei superstiti della tragedia di Marcinelle in Belgio.

Manoppello: insieme nel ricordo della tragedia di 64 anni fa che ha colpito i minatori a Marcinelle

In quei cunicoli malfermi e poco sicuri, come fantasmi, i minatori italiani si affaccendavano a scavare per produrre quanti più carrelli di carbone possibili.

Il salario infatti era composto in gran parte dalla produzione che si riusciva a dare e da una parte fissa. Tanti i minatori italiani presenti a Marcinelle, molti gli abruzzesi.

Ricordiamola tutta questa tragedia.

Era l’8 agosto 1956, una giornata come tante altre per i tanti minatori che salivano e scendevano in diversi turni nelle viscere della terra della miniera di carbone in Marcinelle (Belgio).

Fino alle 8:10 il lavoro nella miniera è proseguito normalmente, nessun presagio di tragedia. Ognuno al proprio posto, spesso fra una chiacchiera e l’altra, si asciugava il sudore col braccio e si parlava del più e del meno. La fioca luce della lampada sull’elmetto era da guida alla punta degli attrezzi da scavo del carbone.

Le squadre erano composte quasi tutte da gente che si conosceva e proveniva dallo stesso paese. I 275 minatori del turno delle 8 erano appena scesi alla piattaforma dell’ascensore al cosiddetto piano 975.

Le ricostruzioni e le ipotesi della tragedia che coinvolse i minatori

Molte le ricostruzioni e le ipotesi della tragedia, quella ufficiale sembra sia la seguente. Un piccolo malinteso avviò un vagonetto che danneggiò le strutture e l’impianto elettrico innescando un corto circuito con archi voltaici. L’incendio divampò in un attimo, con esplosioni anche di gas grisù. Alcuni riuscirono a risalire, ma l’inferno ormai era scatenato poiché le puntellature erano (come in tutte le miniere) in legno ed andarono a fuoco rapidamente. Il fumo e il fuoco invase ogni meandro della miniera di Marcinelle ed era ben visibile anche all’esterno.

I soccorsi

Le squadre di soccorso composte dai più validi ed esperti conoscitori della miniera si prodigarono in estenuanti turni di lavoro, nel tentativo di domare le fiamme e portare soccorso ai colleghi intrappolati nelle diverse gallerie.

In un istante la notizia arrivò alle vicine baracche e donne e bambini si riversarono verso l’ingresso, dove trovarono i cancelli chiusi ed attesero con ansia e disperazione notizie che arrivavano col contagocce.

Il bilancio della tragedia di Marcinelle

Il 23 agosto si tracciò il bilancio della catastrofe che aveva interessato il “Bois du Cazier”: 262 le vittime (136 italiani, 1 olandese, 1 russo e 1 ucraino): 248 famiglie piangevano i loro cari e 420 furono gli orfani dei minatori. Gli abruzzesi furono 62, dai più diversi paesi (quasi tutti della montagna) e ben 22 erano provenienti da Manoppello.

Cimitero di Manoppello: la testimonianza di oggi

Oggi, in un angolo del Cimitero di Manoppello esiste un sacrario dei minatori che persero la vita a Marcinelle: testimonianza del sacrificio anche di vite che l’Abruzzo ha dato in tempi remoti nel mondo del lavoro.

Senza alcuna retorica, Abruzzo Oggi vuol rendere omaggio a questi minatori,  a loro, al loro muto, sporco lavoro sotterraneo, dove l’aria è quasi irrespirabile, in cunicoli da dove, quando esci dall’ascensore a fine turno lavoro  il minatore è letteralmente irriconoscibile.

Manoppello oggi è diventato il simbolo del sacrificio degli emigranti abruzzesi all’estero, costituisce, però, anche un monito perché sui posti di lavoro vengano garantite tutte le necessarie misure di sicurezza.

 

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana