Ottavio De Martinis ricorda i tre piloti morti nel 2005 foto

Ottavio De Martinis ricorda i tre piloti morti nel 2005

Ottavio De Martinis ricorda i tre piloti morti nel 2005 con una cerimonia all’interno nel Parco Adriatico di Montesilvano.

Si è svolta, all’interno nel Parco Adriatico di Montesilvano,  la cerimonia commemorativa dei tre piloti Maurizio Formisano, Fabrizio Di Giambattista e Valerio Valentini. I tre giovani poliziotti appartenevano all’Undicesimo Reparto Volo della Polizia di Pescara.

Anche Abruzzo Oggi vuole ricordare ed onorare il sacrificio di questi tre eroici ragazzi.

Ottavio De Martinis ricorda i tre piloti morti nel 2005 in un incidente aereo

Il Sindaco Ottavio De Martinis e una delegazione del Coisp (Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia) hanno deposto sulla lapide a loro dedicata  un mazzo di fiori alla presenza di familiari e amici.

Purtroppo, l’attuale situazione di emergenza per il coronavirus non ha permesso di dare la giusta pubblicità e partecipazione a questo triste evento. Ancora oggi la tragedia è impressa nella memoria del Sindaco Ottavio De Martinis poiché erano suoi amici e colleghi.

Le dichiarazioni del Sindaco

Visibilmente commosso il Sindaco ha detto: Nel primo anno del mio mandato da sindaco mi sarebbe piaciuto ricordare Fabrizio, Maurizio e Valerio, con i quali ho condiviso tanti momenti lavorativi belli, con una cerimonia più importante.

Purtroppo,  in questo momento di emergenza non abbiamo potuto estendere l’invito anche alla cittadinanza.  Ringrazio il Coisp, che in questi anni ha sempre ricordato i colleghi e che ha ben pensato di realizzare nel 2009 una lapide all’interno del parco Adriatico”.

I tre giorni di ricerche

Ricordiamo quei tristi giorni seguiti nella speranza delusa di ritrovare ancora in vita i tre giovani piloti.

L’avvenimento interessò tutto il mondo dei mass media. Tutti i giornali ne parlarono dando il massimo rilievo alla notizia delle ricerche.  Seguì poi ovviamente anche il ritrovamento dell’aereo e dei tre corpi dei poliziotti, come già detto, nel mare nel Comune di Fossacesia.

L’aereo, un P68 Observer della Polizia di Stato, decollato alle alle 17:09 dall’Aeroporto Internazionale d’Abruzzo avrebbe dovuto compiere una rotta lungo la direttrice Pescara-Ortona-Vasto-Termoli-Isole Tremiti per poi fare ritorno alla città abruzzese.

Un normale volo di servizio effettuato periodicamente come compito di istituto.

L’aereo ebbe  il primo contatto radio con la base  alle ore 17:13, il secondo, rispettando i piani di volo doveva esserci  alle ore 17:45 ma non si verificò.

Scattarono immediatamente le ricerche che risultarono difficoltose non solo per le cattive condizioni ambientali  ma anche per la mancanza della parola “mayday” (SOS aereo). Unica segnalazione quella di un pescatore che aveva visto “un oggetto cadere in mare”. Dopo circa una settimana i soccorritori recuperarono  a due miglia dalla foce del Fiume Sangro i tre corpi senza vita dei surstiti,  i resti dell’aereo, una cintura avionica, un kit per la sopravvivenza e la carlinga che si era immersa a circa 16 metri  nel fondale del fiume.

Onore a loro! Onore al loro poco conosciuto silente lavoro!

Fonte foto principale: pagina facebook del Comune di Montesilvano

Torna alla Home Page

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana