A Tossicia la festa di Sant’Antonio Abate 2023

A Tossicia la festa di Sant’Antonio Abate 2023

Tossicia, 21 Gennaio 2023: la festa di Sant’Antonio Abate ed il rito dell’accensione del fuoco

A Tossicia, il prossimo 21 Gennaio 2023, alle ore 20, avverrà l’antico rito dell’accensione del fuoco in occasione della festa di Sant’Antonio Abate; ad adoperarsi per la realizzazione sono il Comitato Fuoco, l’associazione culturale Toxicum e la partecipazione dei paesani.

Bella la presentazione con un logo che riporterà il motto “La tradizione non consiste nel conservare le ceneri, ma nel mantenere viva la fiamma”. Le parole richiameranno l’attenzione di coloro che parteciperanno alla manifestazione. I giovani dell’associazione culturale Toxicum si adoperano con lo scopo di valorizzare il territorio comunale attingendo alle antiche tradizioni. Il Comitato Fuoco si riunisce ogni anno per decidere sul da farsi e sul taglio della legna.

 

A Tossicia la festa di Sant’Antonio Abate 2023

Accensione del fuoco nella festa di Sant’Antonio

Il luogo è sempre lo stesso, davanti alla Chiesa dedicato al Santo che protegge gli animali domestici e gli uomini dalle malattie. La costruzione consiste in una piramide di tronchi di albero secondo vecchi schemi tramandati di generazione in generazione. Una specie di scala santa che si eleva verso il cielo, raggiungendo quasi l’altezza della facciata principale della Chiesa, la cui accensione avviene dopo la benedizione impartita dal Parroco; dunque nel giorno della festa di Sant’Antonio Abate

Un rito di cui si perde la memoria nei secoli che i tossiciani amano conservare gelosamente. Il suo significato va ricercato nel tentativo del popolo di partecipare con proprie manifestazioni a quelle della Chiesa ufficiale, attraverso il rito di purificazione del fuoco. Antiche leggende narrano che i più anziani della cittadina traevano auspici sul raccolto agricolo dell’anno interpretando l’altezza della fiamma e la sua direzione. Un atto di Fede verso Sant’Antonio Abate, vissuto in Egitto e fra i primi eremiti fondatori delle comunità di monaci.

La comunità locale assiste ai piedi della piramide di fuoco in una veglia che si protrae fino al mattino successivo.

 

A Tossicia la festa di Sant’Antonio Abate 2023 organizzata da Toxicum

Abbiamo raggiunto la Sig.na Alice dell’associazione culturale Toxicum che ha risposto alle nostre domande.

Dopo la conferma che si tratta di una tradizione antica, ha richiamato anche il gemellaggio esistente fra Tossicia e la cittadina di Marcellina (RM), avvenuto nel 2016, grazie ad Annunziata Taraschi, antropologa. Il Comune di Marcellina lanciò un palloncino che si poggiò nel Comune di Tossicia.

 

C’è la partecipazione e il coinvolgimento della popolazione locale?

Certamente sì. Prima di tutto del Comitato Fuoco, di questi ragazzi che si occupano del taglio della legna, e della costruzione della piramide che supera l’altezza di sette metri e mezzo.

Durante la giornata del 17, propedeutica a quella del 21 in cui il Parroco benedice il bestiame domestico e alcuni giovani presentano la rappresentazione delle tentazioni di sant’Antonio, con il Diavolo e il Santo che combattono fra loro. Noi andiamo in giro di casa in casa per la questua della festa del 21, con canti, suoni di “du botte”, antichi canti che portano tanta allegria.

Raccogliamo le offerte in cibo, bevande e generi diversi che servono come sostegno economico a disposizione della Festa di Sant’Antonio Abate. Tutta la popolazione locale e non solo partecipano con interesse all’intero evento.

 

Ci saranno anche dolci e cibi locali?

Certamente. Ci saranno i famosi dolci “uccelletti”, panini con verza e salsiccia, più altri prodotti che la cucina locale offre.

 

Consulta il nostro Calendario Eventi

Poi segui la pagina Facebook AbruzzoOggi

Infine dai uno sguardo alle altre news sulla Homepage AbruzzoOggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


AbruzzoOggi.it 👉 Testata Registrata Trib. Chieti Decreto 27/21 15/01/2021 - Iscrizione ROC 12116/2021 10/03/2021
Direttore Responsabile: Marco Vittoria
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana
Call Now Button