Lanciano Annullata edizione 2020 del Mastrogiurato foto

Annullata edizione 2020 del Mastrogiurato a Lanciano

Mastrogiurato a Lanciano annullata edizione 2020.

Doveva svolgersi la trentanovesima edizione del Mastrogiurato a Lanciano, ma le ultime notizie sul coronavirus hanno costretto gli organizzatori ad annullare la manifestazione.

Mastrogiurato Lanciano 2020: annullata 39° edizione

Per la prima volta non si svolgerà l’edizione del Mastrogiurato.

Una decisione sofferta e dolorosa ha costretto gli organizzatori ad annullare la manifestazione. Infatti Piazza Plebiscito e l’intero percorso non davano le dovute garanzie di sicurezza. Sono stati eseguiti numerosi studi e sopralluoghi  nel tentativo di trovare una giusta soluzione, ma tutto è risultato vano. Anche l’accomodamento di trasferire la manifestazione verso la zona delle Torri Montanare ha dato esito negativo.

Requisiti previsti dalle disposizioni anti covid-19

Non esistevano i requisiti previsti dalle disposizioni anti covid-19, per cui, “obtorto collo” il Comitato organizzatore ha dovuto annullare la manifestazione, rimandandola a tempi più propizi.

Il pericolo di contagio da coronavirus è troppo evidente ed anche il rispetto delle distanze di sicurezza ridurrebbero l’originalità e la spettacolarità delle corografie, oltre a ridurre enormemente il numero delle persone che vi avrebbero potuto partecipare sia come spettatori che come attori.

Mastrogiurato Lanciano

Il Mastrogiurato è un evento caratterizzato dalla presenza di numerosi figuranti.  Ridurne il numero significa snaturare la manifestazione di ogni significato storico  e coreografico. Il Mastrogiurato è affiancato da otto stupende dame di quartiere, naturalmente non mancano cavalieri e rappresentanti di ogni categoria professionale, nei tipici costumi medioevali.

L’evento trova consensi anche per la moltitudine dei personaggi che, purtroppo, non avrebbero potuto  rispettare l’osservanza delle distanze interpersonali; quindi i figuranti non avrebbero avuto spazio adeguato.

A ciò si assomma la grande moltitudine di spettatori che ogni anno, nelle passate edizioni, sono state a stretto contatto di gomito, quasi come sardine, asserragliate lungo il percorso dell’evento. Un percorso in cui è difficile anche una eventuale limitazione e regolamentazione del numero degli spettatori.

Mastrogiurato: tradizione lancianese

Il lancianese è un popolo molto fiero e paziente, aspetterà tempi migliori, ma la trentanovesima edizione del Mastrogiurato si svolgerà sicuramente non appena le condizioni sanitarie lo consentirà.

Anche il Comitato Organizzatore non intende rinunciare all’organizzazione della manifestazione e il tutto è rinviato a data da destinarsi.

Il Mastrogiurato è un’antica figura medioevale, un Giudice che aveva il compito di amministrare la giustizia  e risolvere le controversie che potevano sorgere durante l’esecuzione delle famose fiere di Lanciano, considerate fra le più grandi dell’Italia Centrale.

Mastrogiurato: una figura giuridica istituita da Carlo II D’Angiò

Una figura giuridica istituita da Carlo II D’Angiò, eleggibile fra i cittadini di maggior rettitudine e valore morale e finanziario, che aveva la funzione di affiancare il Sindaco e il capitano nell’espletamento del controllo dei mercati, apertura e chiusura delle porte cittadine e tante altre funzioni amministrative.

Subito dopo la sua nomina elettiva suonavano a festa le campane di tutte le chiese di Lanciano e la famosa “squilla” del campanile del Convento di San Francesco.

La manifestazione oggi, si sarebbe svolta nella solita stupenda cornice coreografica che ricorda l’antica tradizione locale, in una miriadi di costumi e colori.

Una manifestazione che ha una precisa connotazione giuridica e validità.

 

 

Fonte immagine principale: pagina facebook il Mastrogiurato

Torna alla Homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana