Atri Notte dei faugni 7 - 8 dicembre 2022 foto

Atri: Notte dei faugni 7 – 8 dicembre 2022

Atri: Notte dei faugni 7- 8 dicembre 2022.

Torna ad Atri l’antica tradizione della Notte dei faugni tra paganesimo e cattolicesimo.

Appuntamento dal tramonto del giorno 7 dicembre e fino all’alba del successivo, con “La notte dei faugni “2022”.

Atri: Notte dei faugni 7 – 8 dicembre 2022 – la storia

Il meraviglioso centro storico (e non solo) di Atri si illumina di fuochi o, per meglio dire, in termine “vulgo faugni”.

Il sostantivo faugni deriva dal latino fauni ignis, cioè, fuoco del fauno.

Infatti l’antica tradizione pagana vuole che nei territori agricoli,sulle aie, gli agricoltori salutavano l’arrivo dell’inverno accendendo enormi fuochi in onore del dio Satiro, che nell’antica mitologia romana era chiamato Fauno.

Questa divinità, dalle sembianze umane era rappresentata con i piedi e le corna di capra e proteggeva i campi coltivati, i boschi, i pascoli e le greggi.

A Fauno il contadino implorava un buon raccolto e di allontanare malattie ed epizoozie degli animali, accendendo enormi falò.

I giovani saltavano da un lato all’altro della brace residua che in parte serviva ad accendere il fuoco sacro nei focolari domestici.

La cenere residua era sparsa nei campi coltivati e negli oliveti, perché sacra e propiziatrice di abbondanza.

Dalla forma della fiamma, durante l’incendio del legname,  i sacerdoti deducevano l’andamento del prossimo raccolto annuale.

L’avvento del Cristianesimo

Con l’arrivo del cristianesimo, il culto pagano si trasformò in venerazione per la Madonna e il Parroco benedice i faugni al momento della loro accensione.

Il popolo, partecipava alle funzioni religiose anche con le sue manifestazioni ed esplosioni di gioia, rappresentati dall’accensione dei fuochi in tutto il territorio nella notte fra il 7 e 8 dicembre.

Era la notte dei canti alla Madonna, invocata per proteggere la famiglia ed i raccolti.

Quella notte il contadino dismetteva i panni del lavoro ed indossava quelli della festa, accendeva il fuoco sull’aia, dove si svolgevano anche danze con “du botte” (organetto diatonico) ed altri strumenti “musicali”.

Perché il fuoco? Perché rappresenta il simbolo di purificazione, il calore umano e di tanti altri elementi il cui elenco risulta immenso.

L’antica nenia che gli zampognari cantavano nella novena alla Madonna diceva:

“Gesù Bambino che nasce alla capanna

Senza fuoco e senza panni….”

Ecco, il contadino accende i faugni proprio come segno di riparazione alla mancanza del fuoco nella capanna di Gesù Bambino.

Nei focolari, a sera, la famiglia si riuniva vicino al fuoco la cui fiamma illuminava la cucina e là si raccontavano “i fatti”, cioè le storie accadute antiche, recenti e del giorno e si programmava il lavoro del giorno successivo.

I faugni

I faugni, l’antica tradizione di Atri, mai interrotta, se non per eventi eccezionali (quali la recente pandemia) tornano non solo per illuminare la città, ma anche come messaggio di Pace e di Fraternità, nella venerazione della Madonna.

La manifestazione comprende il corteo che precede l’accensione dei fuochi, canti, balli spettacoli musicali, teatrali.

Il programma

Questo il programma, cortesemente fornito, con comunicato stampa,  dal Sig. Luciano Alonzo:

Ci saranno due tour a cura dell’associazione Cul.Tur.à. in collaborazione con il Comune di Atri e Wolftour discover Abruzzo con l’obiettivo di narrare cosa rappresenti per Atri questa festa e l’Immacolata Concezione attraverso i luoghi più rappresentativi della città. Il primo tour, “Aspettando i Faugni”, è in programma per il 7 dicembre 2022 alle 17 e prevede una visita guidata che consentirà di vedere: la Cattedrale, il Teatro Romano, passando da piazzetta dei Faugni, il Cortile del Palazzo Ducale e la Chiesa di San Nicola. Ci sarà anche una visita a una casa privata del centro storico alla scoperta del rito de li “Faegn” con testimonianze e racconti

Si proseguirà poi con la visita al foyer del Teatro Ottocentesco con una mostra fotografica dedicata per concludere con una degustazione in piazza Duomo di prodotti tipici in attesa dell’accensione del Sacro Fuoco prevista per le 19. La quota per partecipare è di 15 euro.

Il secondo tour

L’8 dicembre ci sarà il secondo tour, in programma alle 17,45, e sarà incentrato sulla figura della donna e della Vergine Maria attraverso i monumenti della città: il Teatro romano, le Chiese minori del centro storico, il cortile del Palazzo Ducale, la Chiesa di Sant’Agostino con la mostra fotografica allestita e per proseguire con una degustazione in piazza di prodotti tipici e la visita alla Cattedrale e alla Chiesa di Santa Reparata. L’iniziativa terminerà con il ballo delle pupe. Il costo è di 10 euro. Le attività sono riservate ai soci, l’iscrizione è gratuita. Entrambe le iniziative prevedono la prenotazione obbligatoria su http://cultourabruzzo.it/prenota-ora/. Per informazioni 3516620872.

L’edizione di quest’anno

La notte dei faugni quest’anno è ancora più sentita poiché torna dopo due anni di assenza a causa della pandemia da Covid-19. Un antico rito pagano, poi legato all’Immacolata Concezione, in grado di regalare emozioni, divertimento e allegria. Una notte piena di appuntamenti che spaziano dalla musica al teatro – al Comunale alle 21 ci sarà lo spettacolo di Prosa “La ciliegina sulla torta” con Debora CaprioglioEdy AngelilloBlas Roca Rey e Adelmo Febo, ma sin dal pomeriggio ci saranno numerose iniziative. 

Alle 19 in piazza Duomo ci sarà l’accensione del fuoco sacro e nel Centro Storico dalle 23 e per tutta la notte previsti eventi e spettacoli musicali in attesa dell’alba. Alle 5 del mattino al via la processione con i Faugni, fasci infuocati portati in braccio dai cittadini.

La manifestazione è organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Atri, dall’Associazione PromoEventi e dal Comitato Festa dell’Immacolata. Quest’anno le iniziative andranno avanti fino all’11 dicembre. Il programma dettagliato e aggiornato è visionabile sul sito www.lanottedeifaugni.it e sulla relativa pagina Facebook.

 

Foto tratta dalla pagina facebook de  La Notte dei faugni 

Consulta il nostro Calendario Eventi

Poi segui la pagina Facebook AbruzzoOggi

Infine dai uno sguardo alle altre news sulla Homepage AbruzzoOggi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


AbruzzoOggi.it 👉 Testata Registrata Trib. Chieti Decreto 27/21 15/01/2021 - Iscrizione ROC 12116/2021 10/03/2021
Direttore Responsabile: Marco Vittoria
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana
Call Now Button