Vid un singolo in memoria delle vittime del terremoto del 2009

Vid: un singolo in memoria delle vittime del terremoto del 2009

Vid: un singolo in memoria delle vittime del terremoto aquilano del 2009.

Ore 3:32 del 6 aprile 2009 un momento storico da non poter mai dimenticare. Fu vissuto tragicamente da L’Aquila e dagli altri cinquantasei comuni in quello che vollero individuare come “il cratere” delle macerie e dei 309 morti e oltre 1500 feriti. Un intero territorio fu colpito nel cuore e sconvolto!

Questi ricordi fanno ancora soffrire, ma nella rinnovata sofferenza oggi più che mai  si alza forte e inconfondibile la musica del cantautore di Torrevecchia Teatina, Vid.

Vid: un singolo in memoria delle vittime del terremoto aquilano del 2009 – i dettagli

L’artista Vid, dedica e pubblica il suo nuovo singolo “Quanto tempo senza senso”, in memoria dei martiri del sisma aquilano.

Un capolavoro scritto e cantato dallo stesso Vid sulle note di una viva ballata Rock con un intermezzo lirico di Patrizia Barbetta.

Quest’ultima interpreta il dramma di una madre che piange disperatamente i suoi bambini restati sotto le macerie.

Due generi di musica diversi ma che, in meravigliosa simbiosi, riescono a rendere viva la storia di quei tristi e dolorosi momenti vissuti con fierezza e dignità dalle popolazioni colpite.

Proprio allora gli abruzzesi, in un grande slancio di solidarietà anche di tante nazioni, hanno avuto la forza di guardare e programmare un nuovo e migliore futuro.

Il ricordo di Vid di quei lunghi attimi

Commosso, Vid ricorda quei lunghi attimi, quei lunghi giorni, quelle notti insonni e il lento rinascere della vita:

“Ricordo i giorni precedenti al terremoto quando già si parlava di scosse a L’Aquila, ma soprattutto ho ben impressa nella mia mente la tragica notte fra il 5 e 6 aprile del 2009, quando mi riversai in strada con la mia famiglia e pensai subito a L’Aquila, quasi fosse un brutto sogno. Pian piano cominciammo a sentire dai telegiornali e dalle radio cosa era successo. Rimasi fortemente colpito dall’accaduto e decisi il giorno stesso di scrivere una canzone su quella tragica notte, ma poi rimase chiusa per anni nel cassetto”.

A quindici anni dal terremoto

“Oggi, a quindici anni dal terremoto, ho voluto farla uscire abbinata a un videoclip. La scrissi all’epoca con l’intenzione di ricordare a tutti che ciò che era accaduto è forse anche colpa dell’uomo per tutti i disagi che ha causato, sta causando e continua a causare. Noi spesso fingiamo di non aver visto, ma dobbiamo invece denunciare: non dobbiamo aspettare “l’incidente”, ma prevenirlo se possibile.

Mi sono trovato in paesi dove ancora ci sono macerie e in parte sono dunque ancora da ricostruire.  Ringrazio tutti quelli che mi hanno aiutato dandomi anche i permessi di girare in zone non accessibili alle persone. Era molto freddo il giorno in cui abbiamo realizzato il video, ma alla fine con la collaborazione di tutti siamo riusciti a girare un video che ben rappresenta lo spirito della canzone. “Dedico la canzone a chi ha perso i figli, un marito, una moglie, i nonni, qualsiasi persona più cara al mondo rimasta sotto le macerie. Prossimamente andrò a L’Aquila per presentare la canzone e regalarla ai sopravvissuti che si sono dati da fare rimboccandosi le maniche come soldati che quando cadono si rialzano”. 

 

Consulta il nostro Calendario Eventi

Poi segui la pagina Facebook AbruzzoOggi

Infine dai uno sguardo alle altre news sulla Homepage AbruzzoOggi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


AbruzzoOggi.it 👉 Testata Registrata Trib. Chieti Decreto 27/21 15/01/2021 - Iscrizione ROC 12116/2021 10/03/2021
Direttore Responsabile: Marco Vittoria
ecomob 2024
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana
Call Now Button