Pizzoli gioisce nominato Cardinale un proprio Figlio foto

Pizzoli gioisce: nominato Cardinale un proprio Figlio

Pizzoli gioisce: nominato Cardinale un proprio Figlio.

Con vivo compiacimento e grande gioia l’intero Abruzzo ha infatti accolto la nomina alla Porpora Cardinalizia di S. E. Mons. Enrico Feroci, nato a Pizzoli il 27/08/1940.

Pizzoli gioisce: nominato Cardinale un proprio Figlio, S. E. Mons. Enrico Feroci

Insieme a S. E. Mons. Enrico Feroci è già presente in Vaticano S. E. Arcivescovo dell’Aquila Giuseppe Petrocchi:  quindi due Cardinali della Provincia dell’Aquila rivestono contemporaneamente grandi responsabilità  nel governo della Chiesa.

Lo stesso Cardinale Arcivescovo, Giuseppe Petrocchi, ha inoltre manifestato la sua gioia, esortando a pregare per i nuovi cardinali.
S. E. Mons. Enrico Feroci ha sempre infatti mantenuto un vivo interessamento e continui contatti col paese di Pizzoli che lo ha visto nascere e crescere fin da quando ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale nel lontano 13 marzo 1965.

I pizzolani ricordano infatti sempre quando portava nella casa di accoglienza, situata accanto al Castello Dragonetti di Pizzoli, tanti giovani, facendoli scorazzare nel meraviglioso territorio del Comune, fra montagne e boschi.

Una vita dedicata con passione al suo ministero sacerdotale

Una vita dedicata con passione al suo ministero sacerdotale, ma, soprattutto rivolta verso l’aiuto ai più deboli ed ai più poveri.

Questo l’unanime riconoscimento, tra tanti altri meriti, che gli rivolgono anche il Parroco di Pizzoli,  Don Claudio Tracanna, il Sindaco Gianni Anastasio e tutti gli abruzzesi.

Tanti infine gli incarichi ricoperti da S.E. Mons. Enrico Feroci nel suo lungo cammino di Fede e di Apostolato, molti nella Diocesi di Roma.

Gli incarichi ricoperti finora

Il suo primo incarico fu infatti quello di Presbitero della Diocesi di Roma.

Assistente del Seminario Maggiore e Minore, ha inoltre occupato per otto anni il posto di vice-rettore del seminario maggiore.

Parroco della Chiesa di San Frumenzio ai Prati Fiscali,   componente del Consiglio Presbiteriale, Prefetto della IX Prefettura, ha sempre partecipato assiduamente alla preparazione dell’anno giubilare 2000.

Giovanni Paolo II gli conferì il titolo onorifico di “Cappellano di Sua Santità”.

Parroco della chiesa di Sant’Ippolito a piazzale delle Province sempre in Roma.

La sua attenzione verso i bisognosi lo portò a dirigere anche la “Caritas Diocesana”.

Dal 01/09/2018 riveste la carica di  rettore del Santuario della Madonna del Divino Amore nonché del Seminario della Madonna del Divino Amore, di cui era anche Parroco.

La nomina

Papa Francesco, al momento della sua nomina, ha voluto abbandonare il protocollo cerimoniale ed ha sottolineato come ha nominato Cardinale un Parroco.

Ha ricevuto anche i titoli onorifici di camerlengo e canonico della Basilica di San Giovanni in Laterano.

Con la nomina dei tredici nuovi Cardinali il governo della Chiesa si fa sempre più universale.

Infatti accedono alla porpora cardinalizia sei italiani e sette di altre nazioni.

Sale così a a 232 il numero dei cardinali di cui 128 che possono partecipare all’elezione del Papa.

Dei nuovi tredici, nove, di cui tre italiani, hanno inoltre il dritto di partecipare al Conclave perché in età inferiore agli ottanta anni.

I nuovi chiamati

Questi infine i nuovi  chiamati alla dignità e all’ufficio.

Nove i Cardinali che hanno il dritto di partecipare al Conclave perché in età inferiore agli ottanta anni: S. E. Mons. Mario Grech (Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi), S. E. Mons. Marcello Semeraro (Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi), S. E. Mons. Antoine Kambanda (Arcivescovo di Kigali (Rwanda)),     S.E. Mons. Wilton D. Gregory (Arcivescovo di Washington (U.S.A.)), S. E. Mons. Jose F. Advincula (Arcivescovo di Capiz (Filippine)), S. E. Mons. Celestino Aós Braco, O.F.M. Cap. (Arcivescovo di Santiago del Cile), S. E. Mons. Cornelius Sim (Vescovo titolare di Puzia di Numidia e Vicario Apostolico di Brunei), S. E. Mons. Augusto Paolo Lojudice (Arcivescovo di Siena-Colle di Val d’Elsa-Montalcino) e Frate Mauro Gambetti, O.F.M. (Custode del Sacro Convento di Assisi).

Questi inoltre gli altri quattro Cardinali che non possono partecipare al Conclave perché di età superiore agli ottanta anni: S. E. Mons. Felipe Arizmendi Esquivel (Vescovo Emerito di San Cristobal de las Casas (Messico)), S. E. Mons. Silvano M. Tomasi (Arcivescovo Titolare di Asolo, Nunzio Apostolico), Padre Raniero Cantalamessa (O.F.M. – Predicatore della Casa Pontificia) e  Mons. Enrico Feroci (Parroco a Santa Maria del Divino Amore a Castel di Leva).

Abruzzo Oggi nel confermare la propria gioia per l’elezione di S. E. Mons. Enrico Feroci alla porpora cardinalizia, augura infine a tutti i nuovi Cardinali che possano proseguire il loro lungo cammino per il bene della società e della Chiesa.

 

Foto tratta dalla pagina facebook della Caritas di Roma

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana