Pescara varato il Programma per la riqualificazione urbana foto

Pescara: varato il Programma per la riqualificazione urbana

Pescara: varato il Programma per la riqualificazione urbana.

Il Comune di Pescara ha varato il Programma per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie della città di Pescara.

Pescara: varato il Programma per la riqualificazione urbana – i numeri

Per la realizzazione delle previsioni occorrono 58 milioni, distribuiti in parte per l’esecuzione delle necessarie opere edilizie.

I finanziamenti derivano dal DPCM 25 maggio 2016 (18 milioni) e dal Comune che ha previsto una spesa di 2,3 milioni.

I privati ed i fondi PAR FAS provvederanno a coprire la restante somma.

I soggetti e le proposte individuate

Questi i soggetti e le proposte individuate:

1-Progetto “La Biblioteca è di tutti”, che coinvolge il Dipartimento Sviluppo Economico-Turismo, Servizio Beni e Attività Culturali (finanziamento da 81.780 euro);

2-Progetto “Social Art”, che sarà portato avanti dall’Associazione Movimentazioni;

3-Progetto “Auditorium Cerulli”, a casa delle arti dei bambini e dei ragazzi”, che sarà curato dall’Associazione culturale “La Favola Bella”;

4-Progetto “Spazio Matta”, dell’associazione “Artisti per il Matta”.

Il progetto

Come si evince, il progetto riguarderà il settore culturale che è molto importante in tutte le periferie di ogni città.

Il cosiddetto “hinterland” in ogni città presenta numerosi problemi, specie sociali, che spesso sfociano nella lotta per la sopravvivenza ed anche in tanti altri aspetti degeneranti della società.

Tutte le amministrazioni sono impegnate nella risoluzione della complessa tematica economica e culturale in queste zone.

Una attenta cultura antropologica che ha alla base  il processo di adattamento dei diversi gruppi sociali al loro ambiente specifico, che conduce ad adottare certe forme di comportamento e a escluderne altre, sicuramente può dare frutti positivi.

Una sana coesione sociale

Alla base di tutto esiste, però una sana coesione sociale, che solo attraverso un sano sviluppo culturale si potrà attuare.

La cultura, quindi, ha una parte di grande protagonista nella risoluzione dei tanti problemi che attanagliano la periferia.

L’Assessore alla Cultura, Mariarita Paoni Saccone, ha presentato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, il piano di attività che sarà gestito dalle predette  quattro associazioni  individuate in seguito a un bando comunale. 

Le dichiarazioni dell’Assessore alla Cultura, Mariarita Paoni Saccone

Questa la sua dichiarazione: “Siamo dunque pronti per dar vita a questi interventi – ha detto l’Assessore alla Cultura Mariarita Paoni Saccone – che fanno parte di un programma nato durante la precedente amministrazione e che ora portiamo a compimento proprio in applicazione delle finalità che sono alla base di questa azione, che sono, principalmente, quelle di alimentare un processo virtuoso di maggiore integrazione sociale e culturale proprio in quei quartieri che sono ritenuti più a rischio sotto gli aspetti del disagio e dell’esclusione sociale, e che in genere hanno meno luoghi e opportunità per partecipare a manifestazioni culturali e ricreative. Ora è necessario che le associazioni si impegnino a inoltrarci la documentazione mancante per poter poi procedere ad erogare le somme assegnate”

Le dichiarazioni del Dirigente dei Beni e le attività Culturali, Giancarlo Zappacosta

Il Dirigente dei Beni e le attività Culturali, Giancarlo Zappacosta, sempre attento alla valorizzazione delel diverse forme culturali, in merito al progetto sopra richiamato, ha dichiarato: “Sono queste le iniziative che possono fare la differenza riguardo al grado di civiltà di un popolo e di un territorio. Abbiamo un enorme bisogno di operatori culturali e di figure manageriali che siano in condizione di valorizzare anche le azioni promosse dal sistema pubblico. A tal proposito è in atto anche un’interlocuzione con il mondo accademico per favorire la ripresa della formazione di questo tipo di professionalità. Riguardo alla ricaduta sociale del Bando delle Periferie – ha continuato Zappacosta – mi piacerebbe che anche in questo caso si vedessero quei risultati che abbiamo avuto in altre circostanze e che ci hanno permesso di coinvolgere categorie svantaggiate e anche gli anziani”.

Le dichiarazioni di Manuela Peschi, Presidente della Commissione Comunale alla Cultura

Manuela Peschi, Presidente della Commissione Comunale alla Cultura, ha aggiunto: “Sarà preciso impegno degli uffici comunali affinché sia le attività socio-culturali che quelle edilizie, che riguardano gli interventi in strutture che presentano oggi dei problemi, vengano definite con celerità. Come Commissione siamo naturalmente disponibili a ricevere tutte le istanze delle associazioni”.

 

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana