Bando investimenti rinnovo macchinari e impianti

Bando investimenti rinnovo macchinari e impianti

Contributo in conto capitale per il sistema produttivo in Abruzzo: bando investimenti rinnovo macchinari e impianti POR FESR 2014 2020

Pescara, lì 29 febbraio 2020 – Attivo l’accesso al bando investimenti rinnovo macchinari e impianti.


Attivato il bando che va in aiuto alle imprese abruzzesi che vogliono effettuare investimenti per il rinnovo del parco macchinari ed anche impianti. Scadenza prevista per il prossimo mese di aprile. 



Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo abruzzese attraverso un consolidamento delle realtà esistenti e ad un rinnovamento della base produttiva, garantendo aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e per processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale per quasi tutti i codici Ateco.

Azione 3 1 1 POR FESR 2014 2020 Abruzzo: bando investimenti rinnovo macchinari e impianti

L’obiettivo dell’avviso emanato in attuazione dell’Asse Prioritario III è la “Competitività del sistema produttivo”; dunque l’Azione 3.1.1 del POR FESR 2014 – 2020 della Regione Abruzzo promuove la competitività delle piccole e medie imprese.

Le risorse finanziarie destinate alla realizzazione dell’Intervento sono pari a 5 milioni e 600 mila euro; inoltre, l’assessore regionale alle Attività Produttive ha comunicato che la struttura è già al lavoro con l’Autorità di Gestione dei Fondi europei per trovare altre risorse da destinare a questa specifica misura.

La scadenza per l’azione a favore della competitività è prevista per il prossimo 20 aprile; il bando sostenere le imprese che realizzano nuovi prodotti, novità per il mercato ed anche portano innovazione dei processi produttivi.

Agevolazioni investimenti

Le agevolazioni per l’implementazione dei progetti di investimento saranno concesse nella forma di un contributo in conto capitale sulla spesa ammissibile, (de minimis).

Il progetto d’investimento proposto dovrà prevedere, a pena d’esclusione, una spesa minima (IVA esclusa) pari a euro 70.000,00. In caso di contributo in “de minimis”, il contributo concedibile è calcolato in riferimento all’ammontare delle spese ritenute ammissibili, considerate al netto dell’IVA e di ogni altro onere accessorio e finanziario, se detraibili, e non può essere superiore a euro 200.000,00, nel rispetto della regolamentazione europea prevista per il regime de minimis.

Rispetto alla spesa totale per l’investimento, possono essere richieste le seguenti percentuali di contributo: fino al 30%, 35 %, 40 %, 45%, 50%. Percentuali di contribuzione privata più alta implicheranno un punteggio maggiore in sede di valutazione della proposta.

Paolo DI SANTE

Torna alla Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana