Sindaco Magnacca e spegnimento forni float San Salvo foto

Sindaco Magnacca e spegnimento forni float San Salvo

Sindaco Magnacca e la preoccupazione sullo spegnimento dei forni float a San Salvo

Tiziana Magnacca, sulla Pilkington lascia trasparire una legittima preoccupazione circa la paventata possibilità di spegnimento di uno dei forni float attivi a San Salvo. Il comunicato stampa del Sindaco del Comune di San Salvo

Un tale possibilità costituirebbe una grave iattura non solo per la città di San Salvo, ma anche per l’intera economia del settore dei vetri speciali a livello nazionale ed internazionale. Le conseguenze sui risvolti occupazionali sarebbero incalcolabili; tante famiglie andrebbero a finire proprio sul lastrico; l’intera zona perderebbe quello che è stato il simbolo del riscatto e della trasformazione del territorio della zona del vastese.

 

Siv di San Salvo

La costituzione del nucleo industriale di Vasto è meglio identificato come Consorzio per l’area di Sviluppo Industriale del Vastese; frutto dei programmi dell’allora Democrazia Cristiana di cui furono grandi propugnatori gli Onorevoli Remo Gaspari e Vitale Artese, insieme a tanti altri esponenti politici locali.

Allora lo stabilimento si chiama SIV. La relativa società nacque nel lontano 23 maggio 1962: matricola numero 1 della fabbrica di San Salvo Vincenzo Borgese. Da quella data, si registra un continuo crescendo di successi e di conquiste dei mercati dell’azienda in ogni parte del mondo. La sua produzione nel vetro era di alta qualità e spaziava in ogni settore, i livelli occupazionali aumentavano annualmente in maniera direttamente proporzionale alla qualità e quantità dei prodotti.

 

Siv – Pilkington – NSG

Nel 1993 la società inglese Pilkington acquista la Siv, successivamente passa alla giapponese NSG nel 2006.

Il 19 marzo 1983 il Papa Giovanni Paolo Secondo, mangiò insieme agli operai nella mensa della SIV.

 

Sindaco Tiziana Magnacca e spegnimento di uno dei forni float a San Salvo

Parlare oggi di spegnimento di un forno significherebbe distruggere l’economia locale e la storia di una popolazione e di tanti lavoratori e maestranze che col loro sacrificio hanno garantito per tanti anni produzione e un buon livello occupazionale.

Queste le dichiarazioni del Sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca: “Sono più che convinta del ruolo strategico della Pilkington di San Salvo per l’Abruzzo e per l’Italia. Non possiamo consentire di disperdere il patrimonio professionale e delle conoscenze umane e tecnologiche acquisite in oltre mezzo secolo di storia dell’azienda vetraria sansalvese. Lo spegnimento, che nessuno auspica, di uno dei forni float attivi a San Salvo, avrebbe prevedibili conseguenze sul piano dell’occupazione, oltre a essere una iattura per tutto il territorio del vastese. Sono in costante contatto con i vertici aziendali della Pilkington per seguire, ora dopo ora, la situazione”.

“Questo comune è stato accanto all’azienda attraverso politiche fiscali di vantaggio per il comparto, come l’azzeramento totale della quota dell’Imu, che competeva al Comune, che non incamera nulla dagli opifici industriali a tale titolo. Ci siamo impegnati – aggiunge il sindaco – nel calmierare le altre tasse comunali finalizzate a dare allo stabilimento di San Salvo maggiori indici di competitività. Continuerà il nostro percorso di sostegno e vicinanza alla Pilkington, già iniziato qualche anno fa, non lasciando nulla di intentato nell’interesse dei lavoratori del nostro territorio e dello stesso stabilimento perché noi ci siamo stati e ci saremo, nella convinzione che l’attenzione verso la Pilkington appartenga a tutta la Giunta e all’intero Consiglio Comunale di San Salvo”.

Sicuramente l’impegno di tutto il mondo politico locale, provinciale, regionale e nazionale darà buoni frutti.

 

Foto tratta dal sito del Comune di San Salvo

Torna alla Homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana