Genio Civile di Teramo e L’Aquila smaltite pratiche foto

Genio Civile di Teramo e L’Aquila: smaltite pratiche

Genio Civile di Teramo e L’Aquila: smaltite le pratiche arretrate relative ai progetti presentati nei Comuni dichiarati sismici.

Finalmente!” Dicono tecnici ed operatori economici dell’edilizia. Gli uffici regionali del Genio Civile di Teramo e L’Aquila hanno smaltito infatti le pratiche arretrate. Le istruttorie in corso erano quelle relative ai progetti presentati nei Comuni dichiarati sismici (cioè tutti).

A dare la buona notizia è stato l’Assessore Regionale l’assessore alle Aree interne e del Cratere, Guido Quintino Liris.

Genio Civile di Teramo e L’Aquila: smaltite pratiche arretrate ai progetti presentati nei Comuni dichiarati sismici 

Sono ben note, soprattutto ai tecnici ed agli operatori economici nel settore dell’edilizia,  le lunghe vicissitudini di riforme burocratiche che ha subito il Genio Civile. Prima Statale, poi Regionale, dopo ancora Provinciale e, infine il ritorno del personale e delle competenze alla Regione Abruzzo. Ci riferiamo, alle istruttorie delle pratiche di costruzione e/o manutenzione straordinaria e recupero di fabbricati situati in Comuni classificati sismici (ormai è l’intero territorio abruzzese).

La carenza di personale per tanti lunghi anni ha determinato la costituzione di un enorme arretrato e giacenze di pratiche inevase nei diversi uffici. Primi fra tutti quelli di Teramo e L’Aquila.

Le ripercussioni che si sono avute nel settore economico dell’edilizia

Gravi le ripercussioni che si sono avute nel settore economico dell’edilizia. L’inizio dei lavori è infatti subordinato al permesso di costruire del Comune e il rilascio del nulla-osta del Genio Civile.

Il tutto ha avuto come conseguenza la mancata esecuzione di molti lavori. Ovviamente con conseguente ripercussione anche sui livelli occupazionali, non solo dell’edilizia, ma anche dell’indotto che ha questo vitale settore economico.

Le dichiarazioni dell’Assessore Regionale alle Aree interne e del Cratere, Guido Quintino Liris

L’Assessore Regionale alle Aree interne e del Cratere, Guido Quintino Liris ha dichiarato: “I Servizi regionali dei Geni Civili dell’Aquila e di Teramo non hanno più pratiche arretrate da dover istruire, risultano tutte  in fase di lavorazione e a breve saranno evase, comprese le ultime 60 sanatorie, in gran parte provenienti dalle Province. Esprimo soddisfazione per l’ottimo risultato raggiunto, reso possibile anche grazie all’incremento di personale avvenuto con la Presidenza di Marco Marsilio, mediante il ricorso  all’assunzione di ingegneri a tempo determinato, ed al contestuale utilizzo dei consulenti di Abruzzo Engineering. A tutti loro, al lodevole Giancarlo Misantoni, dirigente dei Geni civili di Teramo e L’Aquila, non dimenticando i dipendenti delle sedi distaccate di Sulmona e Avezzano,  va il mio personale ringraziamento per la competenza e la professionalità dimostrate. Hanno smaltito una importante mole di lavoro accumulata negli anni”.

Le numerose pratiche accumulate

 “Infatti, ciascuna Provincia, dell’Aquila e di Teramo, aveva inviato alla Regione,  a seguito del trasferimento di competenze in materia sismica avvenuto con decorrenza 1 aprile 2016, un numero consistente di pratiche. Circa  800, alle quali si sono aggiunte nel corso del tempo le nuove istanze per un totale annuo di 1400  per ciascun Servizio. Già durante l’anno 2019 i due Servizi regionali avevano provveduto ad evadere gli arretrati relativi sia alle pratiche sismiche concernenti l’edilizia ordinaria che quelle afferenti alla ricostruzione post sisma 2009 e 2016.

Inoltre hanno rilasciato le autorizzazioni sismiche per gli interventi sui viadotti delle autostrade A14, A24 e A25 e per la viabilità di competenza dell’Anas”.

La situazione attuale

 “Attualmente gli istruttori tecnici in servizio nei due Geni Civili regionali, tornati ad occuparsi delle richieste settimanali correnti , ne lavorano mediamente 30, nell’arco massimo di dieci giorni. Un recupero di lavoro encomiabile – ribadisce l’Assessore concludendo –  ed efficienza, che hanno permesso l’azzeramento di ogni ritardo consentendo di riallineare le attività di importanti ambiti per le aree del cratere”.

 

Fonte foto principale: sito Regione Abruzzo

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana