Imprudente sul Parco Regionale Sirente Velino foto

Imprudente sul Parco Regionale Sirente Velino

Emanuele Imprudente: le dichiarazioni sul Parco Regionale Sirente Velino.

L’Assessore Regionale, Emanuele Imprudente, Vicepresidente della Giunta Regionale con delega ai parchi e alle aree protette, ha affrontato i problemi tecnico-amministrativi  del Parco Naturale Regionale del Sirente Velino.

Imprudente sui problemi del Parco Naturale Regionale del Sirente Velino

Primo fra tutti, quello di superare l’attuale regime di commissariamento e restituire ai singoli Comuni e ai loro Organi rappresentativi le  necessarie deleghe e poteri  amministrativi per il governo del loro territorio previsti dalle leggi vigenti e dallo statuto dello stesso parco.

Un regime di commissariamento (massimo rispetto per l’operato finora attuato, senz’altro positivo) non costituisce una manifestazione di vera e reale democrazia. Il territorio deve essere infatti amministrato da propri rappresentanti eletti democraticamente.

La normativa va “rivisitata” ed adeguata 

Inoltre la normativa va “rivisitata” ed adeguata alle nuove esigenze socio-economiche scaturite non solo dall’insorgere di nuovi problemi, ma anche dalle mutate condizioni di gestione ambientale con la presenza di nuove e ben più moderne tecnologie, specie informatiche.

Uno degli aspetti fondamentali della vita economica della Regione Abruzzo può essere individuato senz’altro in quello della preservazione ambientale e dell’ecosistema.

Infatti questi due aspetti si attuano e si concretizzano con la presenza sul territorio abruzzese di tre Parchi nazionali , un Parco Regionale  e ben 38 tra oasi e riserve naturali di competenza statale o regionale.

Abruzzo Regione Verde d’Europa

Infatti l’Abruzzo è definito Regione Verde d’Europa poiché circa un terzo del suo territorio è altamente protetto con i predetti Enti sopra elencati.

Le nuove proposte portano anche una revisione della perimetrazione del Parco Naturale Regionale del Sirente Velino. Ciò sarebbe necessario per permettere l’inclusione nel sistema ambientale alcune porzioni di territorio oggi ancora inutilizzate.

L’allargamento in zone agricole ne permette la loro protezione e conservazione, oltre alla revisione dell’ecosistema. Ovviamente con particolare riferimento alla lotta ai cinghiali il cui numero presente nel territorio è diventato insostenibile.

La perequazione alle nuove esigenze è frutto di un’azione democratica che parte dal basso: dalle richieste legittime delle popolazioni attraverso i loro rappresentanti,  organi istituzionali, Enti Pubblici e Privati, Associazioni di diverso tipo (ambientaliste ecc.).

Un insieme di idee e sinergie che, hanno visto alla cabina di regia e protagonista essenziale l’Ente Regione.

Le dichiarazioni dell’Assessore Emanuele Imprudente

L’Assessore Emanuele Imprudente, dopo la delibera di giunta ha dichiarato:

“Proprio la partecipazione e la condivisione alle decisioni da parte delle comunità è un principio indispensabile per ricomporre visioni divergenti e conflittuali, perché si arrivi a risultati concreti e positivi.

Tutto ciò  in termini di attivazione di interessi, senso di responsabilità e attaccamento al luogo e ai destini del territorio”

La delibera di Giunta Regionale dovrà essere sottoposta alla successiva discussione e ratifica del Consiglio Regionale.

 

Fonte foto principale: pagina facebook Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Torna alla Home Page

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana