2 luglio 2020 notizie in breve dalla Provincia dell'Aquila foto

2 luglio 2020 notizie in breve L’Aquila

2 luglio 2020 notizie in breve da L’Aquila e provincia: Alfedena, L’Aquila, Pacentro, Pratola Peligna e Sulmona.

2 luglio 2020 tutte le notizie in breve da L’Aquila e provincia

Alfedena

Ad integrazione del sistema di videosorveglianza, il Comune di Alfedena, dal mese di luglio fino al termine del 2020, per migliorare il monitoraggio ed il controllo del territorio svolgerà il servizio di vigilanza notturna.

L’Aquila

Riparte, ma con forma molto ridotta, l’attività del Tribunale di L’Aquila. Il coronavirus ha causato numerosi problemi e la ripresa dei lavori non è semplice in un settore così delicato qual è quello della Giustizia.

I Funzionari stanno mettendo il massimo impegno per poter riavviare al più presto le udienze, nel rispetto della norme di legge in materia di coronavirus.

L’Aquila (2)

Fragilità sociali: disponibile la graduatoria per assegnazioni di alloggi Case e Map

È disponibile la graduatoria redatta dal settore Politiche per il benessere della persona per l’assegnazione degli alloggi Case e Map ai nuclei in condizioni di fragilità sociali con isee fino a 12mila euro, che avevano formulato la richiesta in relazione al bando scaduto inizialmente il 12 marzo scorso, termine poi prorogato al 20 aprile per l’emergenza covid-19. Lo rende noto l’assessore alle Politiche sociali, Francesco Cristiano Bignotti. Per ragioni di riservatezza dei dati personali, i nomi degli assegnatari non vengono pubblicati; pertanto, per informazioni, occorre fare riferimento ai recapiti contenuti nell’avviso pubblicato nella pagina Avvisi della sezione Concorsi Gare e Avvisi dell’area Amministrazione del sito internet del Comune, a questo indirizzo.

L’Aquila (3)

8-25 luglio Cantieri dell’Immaginario. 24 spettacoli, di cui 5 per bambini, tra Piazza Duomo e all’Auditorium del Parco.

Pacentro

L’amministrazione comunale intende garantire il diritto di uso civico di legnatico (secondo il R.C. N. 74 del 28/09/2000) procedendo alla fornitura di legna di faggio da ardere alla popolazione residente per l’anno 2020. A tal fine si rende necessario conoscere almeno in termini indicativi, l’ammontare della domanda da parte dei cittadini per avviare tutti gli adempimenti amministrativi.

Pertanto si invitano tutti i cittadini interessati a compilare il modulo di manifestazione di interesse; scaricabile dal sito del Comune di Pacentro ovvero prenotandosi al numero 086441114, che non risulta vincolante né per il cittadino né per l’Amministrazione Comunale. ma utile esclusivamente agli scopi sopra indicati.

Le quantità prenotabili

Le quantità prenotabili sono:

  • 25 q.li (pari a 200 euro)
  • 50 q.li (pari a 400 euro)
  • 75 q.li (pari a 600 euro)
  • 100 q.li (pari a 800 euro)

La quantità massima richiedibile per nucleo familiare è pari a 100 q.li. Non sono ammessi quantitativi diversi da quelli indicati.

Non è prevista la consegna a domicilio, i cittadini dovranno provvedere autonomamente alla depezzatura del legnatico.

La della domanda è fissata a venerdì 10 luglio 2020.

Il prezziario indicativo e potrebbe subire variazioni in fase di definizione dell’uso civico.

Pratola Peligna

Ordinanza Sindacale sull’apertura degli esercizi pubblici.

Il Sindaco di Pratola Peligna con propria Ordinanza Sindacale ha stabilito:

– che la vendita per asporto di alcolici e di bevande superalcoliche da parte degli esercizi di vicinato è vietata dalle ore 24.00 alle ore 06.00 ai sensi dell’ art. 6, comma 2 bis, D.L. 03.08.2007 n. 117;

– che la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche e supercoliche da parte di pubblici esercizi muniti di licenza di cui all’art. 86 del TULPS è vietata dalle ore 03.00 alle ore 06.00, ai sensi dell’art. 6, comma 2, D.L. 03.08.2007 n. 117;

La presente ordinanza è trasmessa al Comando di Polizia Locale e al Comando Carabinieri.

Sulmona

Disciplinare in maniera completa e specifica alcune tipologie di ingresso, uscite e servizi nelle strutture residenziali, assistenziali e sanitarie  di Sulmona è lo scopo dell’accordo che, su impulso del vicesindaco con delega alle Politiche Sociali Marina Bianco, è stato firmato oggi tra i rappresentanti delle strutture che ospitano le fasce più deboli: Casa Santa dell’Annunziata,   Palazzo Mazara, Casa di riposo “Monsignor L. Cercone” e Casa di riposo “Santa Lucia”.

Le dichiarazioni del vicesindaco Marina Bianco

Abbiamo lavorato alacremente da molte settimane al fine di far raggiungere un’intesa tra le strutture locali per regolamentarne, oltre alle modalità di accesso previste già dall’ordinanza regionale, quelle di uscita e riguardanti i servizi che non sono, invece, contemplate né dalle norme statali né dall’ ordinanza della Regione. Dopo aver ascoltato alcuni familiari degli ospiti, mi sono fatta carico della delicata e complessa problematica, al fine di andare incontro alle esigenze di tutti, per la salvaguardia in primis della salute e della sicurezza delle fasce più deboli.

I contatti con i rappresentanti delle strutture

“Ho contattato subito i rappresentanti delle strutture che si sono mostrati disponibili sottolineando come per la prima volta si sia lavorato in sinergia, non solo partecipando alle riunioni che ho convocato a palazzo San Francesco, al fine di individuare la soluzione migliore per questa problematica di rilievo in un così difficile periodo di grave emergenza sanitaria, ancora non terminato”. Lo afferma il vicesindaco Marina BiancoSi tratta di un documento importante contenente prescrizioni organizzate ed articolate, uniche e identiche per tutte le strutture firmatarie, che riguardano  attività rivolte ad interni e ad esterni. Il decalogo sarà affisso nelle bacheche delle strutture e pubblicato sui rispettivi siti internet, oltre ad essere consegnato agli interessati, agli ospiti e alle loro famiglie”.  

Sulmona (2)

Non si ferma la battaglia contro la costruzione a Sulmona della centrale di compressione Gas della Snam e contro il metanodotto, opera ad esso collegata. Questa mattina si è svolta l’udienza del Consiglio di Stato inerente il ricorso in appello depositato dal Comune di Sulmona, insieme a sei Comuni della Valle Peligna, Pratola Peligna, Raiano, Prezza, Anversa degli Abruzzi, Pacentro e Pettorano sul Gizio, e alla Regione, ad adiuvandum,  grazie a un lavoro svolto con grande professionalità  dall’avvocato Alfonso Celotto, contro l’autorizzazione alla costruzione dell’opera da parte del Mise e la delibera del Consiglio dei Ministri, in seguito alla sentenza del Tar del Lazio che aveva respinto il ricorso presentato, ad adiuvandum, con molti Comuni del territorio lo scorso giugno.

Le dichiarzioni del Sindaco Annamaria Casini

“La nostra difesa,  rappresentata dall’avvocato Alfonso Celotto, incaricato dal Comune di Sulmona, si è concentrata sul bilanciamento fra diritto alla vita e alla salubrità dell’ambiente rispetto ad interessi economici, la cui strategicità peraltro è divenuta dubbia. Dopo quasi vent’anni dall’avvio del progetto è, infatti, incredibile che non si mettano in discussione i presupposti quando ormai è acclarato che l’attuale capacità sarà più che in grado di soddisfare i fabbisogni di gas metano in uno scenario che ne vede una riduzione dei consumi a favore di fonti alternative. 
Attendiamo l’esito della sentenza, prevista entro la fine dell’estate, ma Sulmona e il territorio continueranno a sostenere con forza, come sempre fatto in questi anni, le ragioni del no a quest’opera ritenuta fortemente dannosa per il nostro territorio,  lottando con tutti i mezzi a disposizione anche contro la realizzazione del Metanodotto nei nostri territori a forte rischio sismico” afferma il Sindaco Annamaria Casini.

“Confidiamo che anche il Comune dell’Aquila non si arrenda”

“Confidiamo che anche il Comune dell’Aquila non si arrenda e, dopo la sentenza del Tar del Lazio di ieri che ha respinto il ricorso proposto nel 2011 relativamente alla richiesta della Snam nel 2005 della pronuncia di compatibilità ambientale per il progetto, continui la battaglia in secondo grado e nell’ambito della Conferenza di Servizi ancora aperta sull’autorizzazione al metanodotto Sulmona Foligno. Vogliamo ribadire la contrarietà unanime di un intero territorio contro la realizzazione del progetto Snam perché, ora più che mai, è forte la convinzione che la centrale e il metanodotto previsti dalla Snam non siano opera strategica, ma anacronistica e lontana dalle linee di sviluppo che vanno verso l’ecosostenibilità, soprattutto in un territorio come il nostro, caratterizzato da numerose fragilità anche sotto il profilo fisico. Andremo fino in fondo” conclude il sindaco “perché questa è una battaglia di tutti”.

 

A domani con le notizie in breve dalla Provincia dell’Aquila!

 

La foto nell’articolo “2 luglio 2020 notizie in breve L’Aquila” è a cura della redazione di Abruzzo Oggi.

 

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana