Mauro Febbo e il “Brand Abruzzo” le dichiarazioni foto

Mauro Febbo e il “Brand Abruzzo”: le dichiarazioni

Mauro Febbo e il “Brand Abruzzo”: le dichiarazioni dell’Assessore.

La Regione Abruzzo nell’ultima seduta di Giunta ha deciso la revoca della procedura ad evidenza pubblica per il potenziamento della promozione e commercializzazione del “Brand Abruzzo” nei mercati di riferimento collegabili alle rotte aeree nazionali e internazionali.

La decisione scaturisce dall’esigenza di proporre nuove linee programmatiche a sostegno della promozione turistica regionale durante l’emergenza sanitaria globale da coronavirus.

Mauro Febbo e il “Brand Abruzzo”: le dichiarazioni

L’Assessore Regionale al Turismo Mauro Febbo ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Si è approvato un atto per procedere alla individuazione di nuove misure e nuove modalità con le quali sostenere l’economia turistica regionale nel contesto attuale e straordinario del turismo e dei voli durante l’emergenza sanitaria, che ha prodotto una crisi economica in entrambi i settori. Ricordo come il bando Brand Abruzzo era stato impostato per creare un flusso turistico da e per l’aeroporto d’Abruzzo prima dell’arrivo del covid. Costringendo le Istituzioni centrali e regionali a ripensare interamente le strategie di comunicazione e promozione dei territori. Inoltre alla luce, anche, dei divieti operanti sull’intero comparto del trasporto aereo”.

Un clima di di totale incertezza

“In questo clima di totale incertezza diventa impossibile per gli scali programmare una reale ripartenza. Anche perché mancano le regole di ingaggio. Non a caso – continua Febbo – nei giorni scorsi ho inviato, in qualità di coordinatore della Commissione Turismo degli assessori regionali, una specifica missiva al ministro De Micheli per chiedere interventi urgenti e chiari sul trasporto aereo”.

In Abruzzo

“In Abruzzo come in tutte le altre regioni ed aeroporti è necessario e urgente adeguare la strategia promozionale del turismo regionale alla contingente situazione emergenziale. Evidentemente non più rispondente al contesto socio-economico in cui è stata approvata il precedente bando. Pertanto – conclude Febbo – nei prossimi giorni elaboreremo le modalità ed i contenuti per arrivare ad uno schema dei trasporti aerei del tutto rivisto e dovrà adattarsi alle regole e ai flussi del traffico post coronavirus”.

Restiamo, pertanto, in attesa dei nuovi programmi che la Regione Abruzzo proporrà nei prossimi giorni.  Sicuramente si cercherà di favorire il traffico aereo nell’aeroporto d’Abruzzo, il cui volume è fortemente calato in quest’ultimo periodo.

Si renderà inoltre sicuramente necessario un incontro con le diverse compagnie aeree e con gli operatori turistici in generale per superare l’attuale situazione di stallo e di recessione.

 

Fonte foto principale: pagina facebook Mauro Febbo

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana