Nuova legge per le zone sismiche approvata dal Consiglio Regionale foto

Nuova legge per le zone sismiche approvata il 22/05/2020

L’ultimo Consiglio Regionale ha adottato una nuova legge per le zone sismiche che ha istituito.

La nuova legge ha un contenuto molto tecnico che riguarda modifiche sostanziali introdotte alle norme vigenti sulla predetta legislazione. Come noto, l’intero territorio della Regione Abruzzo è classificato sismico, con distinzione in tre gradi.

1: quella con il piu’ elevato livello di pericolosita 29,8 % dei comuni;

2: quella con pericolosita’ intermedia che include la maggiore percentuale di comuni (51,8%);

3: quella con pericolosita’ minima che annovera la minore percentuale di comuni 18,4%.

Tante le normative che sono state emanate in passato  in materia. Ad ogni evento sismico hanno corrisposto nuove  leggi  rese sempre più restrittive.

Nuova legge per le zone sismiche

L’Abruzzo è la seconda regione italiana a più alto  rischio sismico.

Il Consiglio Regionale, pertanto, ha approvato la legge sulle “Modifiche ed integrazioni alla L.R. 11 agosto 2011, n. 28”.

Sono dettagliate le opere di intervento per le quali l’attività di controllo e vigilanza spetta agli Organismi dello Stato e non alla Regione Abruzzo.

La nuova legge ha indicato la modalità di trasmissione delle richieste per il rilascio dell’autorizzazione sismica.

L’iter autorizzativo

Nel quadro della dematerializzazione della Pubblica Amministrazione l’iter autorizzativo sarà solo in via telematica.

Inoltre, aspetto molto importante, il legislatore ha aggiornato i tipi di intervento oggetto di deposito sismico da sottrarre al regime (molto più restrittivo) di iter autorizzativo.

Il decreto sblocca cantieri ha recato nuove norme, recepite nel nuovo provvedimento di legge.

Inoltre si stabilisce che le disposizioni della vecchia legge regionale 28/2011 non si applicano alle costruzioni denominate “trabucchi, travocchi, caliscendi e trabocchi”, i cui titoli abilitativi vengono rilasciati secondo quanto disciplinato dalle leggi regionali 71/2001, 13/2009, 7/2019.

La nuova legge precisa e prevede tante norme ben dettagliate  che si applicano alle nuove costruzioni, agli interventi sul patrimonio edilizio esistente, agli ampliamenti e alle sopraelevazioni realizzati in zona sismica, comprese le varianti ai progetti.

 

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana