Collecorvino presenta il Giardino Letterario

Collecorvino presenta il Giardino Letterario

Collecorvino presenta il Giardino Letterario, un nuovo spazio culturale in area vestina.

L’Amministrazione Comunale di Collecorvino, Sindaco Paolo D’Amico, il 25 u.s. ha restituito all’uso pubblico il Giardino Letterario, dopo i lavori di integrale recupero effettuati in un’area di circa 3160 metri quadrati.

Collecorvino presenta il Giardino Letterario – i dettagli

Le opere risultano collegate a quelle del primo intervento di mitigazione del dissesto idrogeologico dell’importo di circa un milione di euro.

Il costo finale della realizzazione del nuovo giardino risulta di euro ottantamila.

Il Giardino Letterario conferisce una nota positiva al centro storico di Collecorvino. Assolverà infatti alla sua funzione sociale e culturale per l’intera cittadinanza di ogni età, divenendo un punto di riferimento e di aggregazione complementare anche alla vicina biblioteca.

La zona ha assunto un nuovo volto che restituisce alla natura questo spazio. Esso diviene così il mezzo di comunicazione e giusto rapporto fra l’uomo, la stessa natura e la cultura.

Il giardino inteso, quindi, come territorio di socializzazione, per trascorrervi il tempo libero e rinsalda il rapporto  con la vita all’aperto.

Questa zona ha avuto inoltre un programmato ed oculato sfruttamento attraverso idonei  progetti che hanno coniugato, insieme al consolidamento idrogeologico della zona, anche il recupero del verde pubblico, con la salvaguardia della loro bellezza naturale e senza alcuna banalizzazione.

Tutto ciò in linea con i numerosi studi esistenti che la sociologia e l’antropologia hanno consegnato in materia delle finalità che i giardini pubblici hanno all’interno di una giusta programmazione urbanistica, in cui il verde assume anche valore per la salute dell’uomo.

Le nuove piante

Nel Giardino Letterario hanno quindi trovato nuova collocazione le seguenti nuove piante:

  • Ginkgo biloba;
  • Liriodendro;
  • Cedro dall’Himalaya;
  • Pino silvestre;
  • Acero riccio purpureo;
  • Farnia;
  • Pero da fiore;
  • Acero campestre;
  • Numerose specie autoctone.

Tutte disposte in armoniosa sequenza, dal valore ornamentale che assolvono alla funzione di creare zone d’ombra e abbattono i valori di inquinamento ambientale.

Particolare interesse suscita anche l’innovazione della presenza di un genere di pianta che ha resistito alla bomba atomica. Essa è quindi simbolo di un ecosistema resiliente.

Le acque captate dai lavori di consolidamento idrogeologico del suolo convergono in una cisterna e costituiscono fonte di irrigazione delle piante e del verde, attraverso un moderno ed idoneo impianto.

Le dichiarazioni del Sindaco di Collecorvino, Paolo D’Amico

Il Sindaco di Collecorvino, Paolo D’Amico, soddisfatto della nuova realizzazione, ha infine dichiarato:

“Il recupero dell’area pubblica, comunicante con la Biblioteca comunale, sarà luogo d’incontro per la cittadinanza, spazio per la lettura, un prezioso bene comune da tutelare e valorizzare. Voglio ringraziare in particolar modo il Dott. Colarossi Matteo per il meraviglioso progetto, la ditta Multiservizi, l’Ufficio Tecnico e tutta l’Amministrazione Comunale per l’impegno profuso al raggiungimento di tale opera”.

 

Consulta il nostro Calendario Eventi

Segui la pagina Facebook AbruzzoOggi

Torna alla Homepage AbruzzoOggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


AbruzzoOggi.it 👉 Testata Registrata Trib. Chieti Decreto 27/21 15/01/2021 - Iscrizione ROC 12116/2021 10/03/2021
Direttore Responsabile: Marco Vittoria
ecomob 2024
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana
Call Now Button