Montesilvano sgomberato un alloggio popolare occupato abusivamente foto

Montesilvano: sgomberato alloggio popolare occupato abusivamente

Montesilvano: sgomberato alloggio popolare occupato abusivamente.

L’occupazione abusiva di alloggi popolari è un costume molto diffuso sull’intero territorio nazionale.

Il Comune di Montesilvano è riuscito a far sgomberare una famiglia di rom da una unità immobiliare sita in via Rimini di proprietà Ater.

Montesilvano: sgomberato alloggio popolare occupato abusivamente – i dettagli

Il nucleo famigliare era composto da due coniugi e da due figli minori che avevano occupato abusivamente dal 14 giugno il predetto alloggio.

All’inizio dell’operazione la coppia ha opposto resistenza ed è arrivata a più miti consigli soltanto dopo che il Sindaco De Martinis ha firmato l’ordinanza di sistemazione in via provvisoria della coppia e dei due figli sfrattati in una casa famiglia di Montesilvano.

L’operazione è partita dalla disposizione emessa dal magistrato Antonella Di Carlo, con la quale si ordinava il dissequestro e la restituzione dell’immobile occupato abusivamente. Ciò in base agli articoli 633 e 639 del codice penale.

L’operazione di sgombero

L’operazione di sgombero è stata avviata con la partecipazione della polizia locale (guidata dal comandante Nicolino Casale),  dei carabinieri di Montesilvano, (diretti dal comandante Camillo Renzetti), di una psicologa e di un’assistente sociale dell’Azienda speciale e di un’ambulanza del 118.

All’inizio dell’operazione erano presenti anche il Sindaco Ottavio De Martinis e il consigliere delegato alla Sicurezza e alle Politiche della casa Marco Forconi.

Le dichiarazioni del Sindaco di Montesilvano Ottavio De Martinis

“Con questa operazione abbiamo ribadito che le regole vanno rispettate. Ringrazio le forze dell’ordine per aver ristabilito ancora una volta la legalità in via Rimini. L’amministrazione comunale sta conducendo una battaglia importante contro le occupazioni abusive degli alloggi popolari. L’appartamento è stato murato e verrà assegnato legittimamente a chi ne avrà diritto. Le utenze abusive sono state prontamente staccate e sigillate dall’Aca e dall’Enel”.

Le dichiarazioni di Marco Forconi

“Grazie alle forze dell’ordine e alla disposizione del magistrato  è stata sanata l’unica occupazione abusiva subita dalla nostra amministrazione comunale, superando anche il blocco degli sfratti voluto dal governo Conte. Grande soddisfazione hanno espresso anche i residenti di via Rimini, che hanno riacquistato la fiducia nei confronti della giustizia e delle istituzioni. Proseguiremo azioni ancora più incisive anche nelle prossime settimane”

L’Amministrazione Comunale, quindi, è ben decisa a proseguire nell’azione di garanzia della sicurezza dei cittadini, del rispetto e del ripristino della legalità, pur aiutando e venendo incontro a chi si trova in condizioni di indigenza e di necessità.

Le disposizioni di legge

Il Comune di Montesilvano ha agito in linea con le disposizioni di legge.
 
Infatti il sopra citato articolo 633 del Codice Penale  sancisce che, chi invade senza alcun titolo terreni o immobile altrui, che siano pubblici o privati, può essere punito con una sanzione amministrativa da 103 a 1.032 euro e con la reclusione fino a due anni.
 
La giurisprudenza in più sentenze ha confermato che pur esistendo lo stato di necessità degli occupanti, gli stessi debbono lasciare la casa, anche se questa era vuota quando l’hanno occupata. Tuttavia,  in quest’ultimo caso, si possono evitare le sanzioni penali, ma non lo sgombero. Anche in presenza di figli minori e anche se gli occupanti abusivi sono disoccupati.

Il diritto alla casa come bene essenziale della persona

Il giudice ha riconosciuto il diritto alla casa come bene essenziale della persona. Il Comune di Montesilvano ha pertanto  attivato  tutte le azioni per garantirne la tutela e tentare di eliminare lo stato di bisogno. Compresa  l’adozione di provvedimento per l’ospitalità della famiglia sfrattata, in apposita struttura.
 
 

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana