Mauro Febbo insoddisfatto delle ultime dichiarazioni di Conte foto

Febbo insoddisfatto delle ultime dichiarazioni di Conte

Mauro Febbo insoddisfatto delle ultime dichiarazioni di Conte.

Commenti  negativi  alla conferenza stampa tenuta ieri sera dal Primo Ministro Conte sono stati espressi dall’assessore alle Attività Produttive della Regione Abruzzo, Mauro Febbo.

Mauro Febbo insoddisfatto delle ultime dichiarazioni di Conte

La nota diffusa è  in netto contrasto con le disposizioni adottate dal Governo  in essa si legge

sono ancora troppe le attività che dovranno attendere il 1° giugno per la riapertura come acconciatori, centri estetici, bar, ristoranti, oltre agli interi comparti di turismo, spettacolo, cultura ecc…

 Significa che per questi  tre mesi avranno incassi zero e probabilmente per altri mesi ancora.

 Un colpo durissimo, dal quale sarà difficile riprendersi per molti.

Prolungando nei fatti il lockdown fino a giugno significa mettere a grave rischio la vita economica di centinaia di migliaia di attività commerciali e quindi di altrettante famiglie.

Un vero disastro”.

Le perplessità dei tanti operatori economici, liberi professionisti, commercianti e cittadini 

Tanti operatori economici, liberi professionisti, commercianti e cittadini hanno espresso la loro perplessità e le loro lamentele sulle misure apportate dal Governo all’Assessore alle Attività produttive della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, con ogni mezzo a loro disposizione.

Certamente è un momento difficilissimo, sicuramente molte attività non potranno riprendere la propria attività per ragioni facilmente comprensibili.

Smettere di lavorare significa mandare sul lastrico tante imprese.

Riprendere l’attività

Riprendere l’attività,dopo un periodo così  lungo e adeguarsi alla nuova realtà ed alle nuove norme con impegni di capitali personali, spesso non disponibili, è estremamente arduo.

I problemi sono comuni a tutte le categorie ed a tutti i settori economici che condividono le perplessità avanzate dall’Assessore Mauro Febbo.

Tutti sperano in future azioni ed interventi  soprattutto della Regione atte a favorire la ripresa economica.

Basta ispirarsi al quadro legislativo del passato, alle tante leggi regionali non più finanziate e ormai scadute, ma che, in passato hanno svolto il loro ruolo in ogni settore della vita economica regionale (agricoltura, artigianato, turismo ecc.).

Capitali freschi a titolo di contributo a fondo perso

Bisogna immettere nelle casse degli imprenditori capitali freschi a titolo di contributo a fondo perso e, per la restante parte (possibilmente una minima parte) con prestiti a tasso zero una  immediata disponibilità di somme adeguate alle attività.

Una ricetta semplice che favorirà la ripresa immediata e consentirà di mantenere i livelli occupazionali almeno allo stato attuale.

Tentiamo di evitare la grave iattura di licenziamenti e di fallimenti!

Lanciamo il grido Abruzzo in piedi!

Gridiamo con quanto fiato abbiamo in gola come in un ideale stadio “Forza ragazzi”!

Fonte foto: Pagina facebook Mauro Febbo

Torna alla Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto su AbruzzoOggi.it

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla newsletter

Call Now Button
protezione civile emergenza coronavirus
supporto al sistema sanitario Abruzzo
donazione croce rossa italiana